BIO PRESS EXPO WORKS ART-PRIZE CONTACTS PORTFOLIO
lia pascaniuc
 
 
   
 

 



Le trasformazioni irreversibili

serie in misura di 45 x 65 cm, formato unico, passepartout cornice museale, vetro antiriflesso, formato unico, n. 1 / 5

 
   

 

 

 
   

 

 

 
   

 

 

 
   

 

 

 
   

irreversiIible changerrevers

the transformation of natural landscapes is often conditioned by humans, sometimes dipendent from the nature itself, and always linked to the  emergency of the heating of water. The rituals of transformations of nature are irreversible according to the law of thermodynamics. The atolls are formed after a volcanic eruption, only a few are created by the accumulation of white sand due to erosion of coral reefs and to the monsoon climate. It takes milions of year to generate this earth’s shaping, a slow process, almost with no end.
Human behavior towards environment has irreversible consequences, beyond climate emergency. Only few type of corals can survive at very high temperatures. The air pollution agent "El Nino" in 1998 led to rising temperature, which caused coral bleaching, with no chance of recovery.
Nothing is created and nothing is destroyed, but all is transformed., constantly. Unconsciously, you always hope in a stability that nature is able to provide by itself.

trasformazioni irreversibili

la trasformazione dei paesaggi naturali a volte è condizionata dalla mano dell’uomo antropizzandoli, a volte indipendente, quasi eterea e incontaminata dal flusso turistico o dall’emergenza legata al surriscaldamento dell’acqua. I rituali di passaggio e di trasformazioni naturali sono irreversibili secondo il principio della termodinamica. Gli atolli si formano a seguito un eruzione vulcanica di tipo esplosivo, solo pochi si creano dall’accumulo di sabbia bianca dovuta all’erosione delle barriere coralline e al clima monsonico. Per creare situazioni in generis ci vogliono milioni di anni, un processo lento quasi infinito.
Il comportamento dell’uomo nell’ambiente ha un impatto irreversibile oltre l’ emergenza clima, questi fattori hanno come risultato il passaggio del sistema da uno stato iniziale a uno stato finale. Solo alcuni coralli di grande estensione, possono sopravvivere a temperature molto alte e a gran parte degli effetti che esse comportano. L’agente atmosferico "El Nino" ha portato nel 1998 a un innalzamento della temperatura che ha causato lo sbiancamento dei coralli, senza alcun segno di recupero.
Tutto quanto apparentemente si crea, tutto quanto apparentemente si distrugge, tutto quanto, in realtà, continuamente si trasforma.
Inconsciamente, si spera sempre in una stabilità che la natura sia in grado di garantire da sola.

 
 
lia pascaniuc